CLV

Ricerca
Avanzata

Elisa Claps: La madre ha riconosciuto la maglia, è quella che le aveva fatto lei stessa

Brandelli della maglia che la madre aveva fatto per Elisa Claps e che la ragazza indossava il giorno della scomparsa sono stati ritrovati sul corpo rinvenuto da alcuni operai che, in seguito ad un’infiltrazione, stavano effettuando dei lavori in un sottotetto della chiesa della Santissima Trinità. In un’intervista con la Tgr Rai Basilicata, il titolare della ditta che stava eseguendo i lavori, ha descritto così il luogo: ”L’ultimo piano della canonica ha una prima porta che è chiusa sempre a chiave: si accede a un altro piccolo ripostiglio che ha una scala in legno dalla quale si arriva al terrazzo. Qui, sulla destra, salendo, c’è un muro alto circa un metro e 20 centimetri. Dietro il muro del campanile il muro ha un abbaino alto circa due metri. C’è una porta che, già dal primo sopralluogo, è
 sempre stata sconnessa e aperta e abbiamo visto volare, entrare e uscire, dei colombi”.  La scoperta del corpo, da parte di Corneliu Todilca, operaio della ditta: ”Ho visto solo il cadavere, con i vestiti che indossava. Il cadavere era sulla destra, in un angolo basso, in fondo, dove la copertura si unisce con il solaio”.

I familiari avevano già confermato ieri la corrispondenza di alcuni oggetti  (un orologio, una catenina, un paio di sandali e un paio di occhiali) con quelli che aveva Elisa Claps. La chiesa è l’ultimo posto dove la ragazza fu vista la mattina del 12 settembre 1993 da Danilo Restivo, che successivamente si è trasferito in Inghilterra dove è rimasto coinvolto in un’altra inchiesta per la morte di una donna, la sarta Heather Barnett sua vicina. Mario Marinelli, avvocato di Restivo, unico indagato per omicidio e occultamento di cadavere nell’inchiesta per la scomparsa di Elisa Claps, ha dichiarato che il suo assistito ”è tranquillo. E’ in Inghilterra e ha saputo del ritrovamento dei resti umani dai mezzi di comunicazione”. Tramite i suoi legali Restivo ha rilasciato all’Ansa alcune dichiarazioni: “Non sapevo nemmeno dell’esistenza del sottotetto, di cui mi ha parlato il mio avvocato. Mi ferii nel cantiere delle scale mobili mentre tornavo a casa. Mi recai in ospedale per quella piccola ferita alla mano circa mezz’ora o tre quarto d’ora dopo aver incontrato Elisa Claps. Ritengo che la mia posizione processuale non si sia per nulla aggravata. Al contrario, mi auguro che dagli accertamenti urgenti eseguiti oggi possa derivare il riconoscimento della mia definitiva estraneità”.

“Se qualcuno pensava che la famiglia Claps si accontentasse di ritrovare il corpo si sbagliava. Ora la famiglia Claps comincia una nuova battaglia,  quella di inchiodare i responsabili alla giustizia”, ha dichiarato Gildo Claps a “Chi l’ha visto?”. Nell’immediatezza della scomparsa “le indagini sono state un disastro su tutta la linea: lo abbiamo detto tante volte. Il ritrovamento non fa altro che confermare quello che abbiamo sempre sostenuto: che c’e’ stata leggerezza e superficialità”, ha ha aggiunto il fratello di Elisa. “Negli ultimi anni, invece – ha concluso – c’è stato un lavoro investigativo notevole. Il ritrovamento sicuramente servirà a inchiodare alle responsabilità le persone. Al di là del principale sospettato, che abbiamo indicato già quel 12 settembre 1993, credo che le circostanze del ritrovamento sollevano tantissimi interrogativi. Elisa era dove tutti sospettavamo che fosse, nell’ultimo posto dove era stata vista”.

Naturalmente lunedì 22 marzo “Chi l’ha visto?” tornerà sul caso, come ha annunciato Federica Sciarelli: ”Ricostruiremo la vicenda anche attraverso tutti i materiali del programma, che ha seguito il caso dai tempi di Donatella Raffai, come l’intervista a Danilo Restivo registrata a pochi giorni dalla scomparsa di Elisa. In questi anni abbiamo portato avanti una durissima battaglia accanto alla famiglia Claps, grazie anche all’appoggio di don Marcello Cozzi, soprattutto quando ci siamo convinti che la ragazza era stata uccisa e il corpo era stato occultato. Il caso infatti fu riaperto e fu anche perquisita tutta la chiesa, ma senza successo, anche perché non si andò a guardare nel sottotetto. Ovviamente racconteremo anche tutti i depistaggi di questi anni, a partire dalla finta email scritta da Restivo da un locale di Potenza dove diceva di essere Elisa, di trovarsi in Brasile e di stare bene”.

La Procura della Repubblica di Salerno ha disposto un accertamento medico legale irripetibile sui resti ritrovati durato almeno cinque ore nel sottotetto della chiesa della chiesa. La salma è stata trasferita all’istituto di medicina legale di Bari.

I familiari di Elisa Claps ringraziano tutti coloro che stanno inviando messaggi di solidarietà anche attraverso il sito di “Chi l’ha visto?”.

[Vai alla pagina del caso]

[Guarda il video nella puntata del 22 marzo]

Tags: , , ,

17 Mar 2010 alle 05.05 "Chi l'ha visto?"

396 Commenti su Elisa Claps: La madre ha riconosciuto la maglia, è quella che le aveva fatto lei stessa

  1. complimenti a tutti voi per la vostra trasmissione e per tutte le
    energie che impiegate nella ricerca di tutti questi scomparsi .. Ieri sera pensando ad’Elisa mi sono chiesto .. Che mistero gli occhiali !ho pensato a come ci sono arrivati li a terra chiusi e poggiati sul pavimento ..Secondo me quegli occhiali ci dicono tutto !Elisa deve essere scappata sicuramente era ferita e si é nascosta in quel sottotetto ..gli occhiali se li e tolti e li teneva chiusi in mano ..Nessuno mi toglie dalla testa che Elisa non aspettava altro che di essere cercata.. Di essere SALVATA! sono tutti quelli che ora sono nel mondo della verità che ce l’hanno portata e stiamo tranquilli che la stessa Elisa da là sù ci svelera’ la mano del suo Assassino!
    Un ABBRACCIO A TUTTI UN BACIO ALLA MAMMA DI ELISA .
    Michele

  2. michele il 26 Mar 2010 alle 06.06
  3. ANCORA 1 VOLTA RISCOPRIAMO LA FERITA APERTA DAL GIORNO DELLA SCOMPARSA ED IL RITROVAMENTO DEL CORPO DELLA POVERA ELISA.CHIEDO CON FERMEZZA SE SI AVREBBE AVUTO 1 PIZZICO DI FORTUNA PER IL SUO RITROVAMENTO MOLTO PRIMA..ADESSO POSSIAMO PIANGERE IL SUO CORPO IN 1 LUOGO PRECISO.GILDO 6 1 PERSONA ECCEZIONALE.NON TI SEI MAI ARRESO COME TUA MADRE ANCHE E TUTTA LA TUA FAMIGLIA.1 FORTE ABBRACCIO, MARIO DI POTENZA.

  4. mario il 26 Mar 2010 alle 07.07
  5. Mi spiace enormemente per tutto quello che ha e sta passando la famiglia CLAPS,nessuno dovrebbe provare tanto dolore.Sono vicina a loro e auguro di fare piena luce su questo tremendo delitto,credo sia il minimo dovuto ad ELISA.Un abbraccio sentito.

  6. mirty il 26 Mar 2010 alle 10.10
  7. la giustizia dovrebbe perseguire anche coloro i quali sono stati blandi e superficiali nelle indagini …forse per negligenza… o forse per coprire qualcuno. Davanti a Dio dovranno rendere conto ma anche qui su questa terra dovranno rendere conto davanti alla giustizia degli uomini. disprezzo e condanno il tacere della Chiesa di fronte ad un comportamento quasi omertoso dei preti. ringrazio in qualche modo la famiglia claps che mi ha saputo trasmettere dignita’, compostezza, tenacia e forza nel dover vivere un dolore cosi grande. un abbraccio e una preghiera

  8. roberto il 27 Mar 2010 alle 12.12
  9. Non ho parole per la famiglia, posso solo allargare le braccia e stringerli forte, forte.
    Per come sono andate le cose, le ricerche intendo, è vergognoso. Provo una rabbia fortissima. QUESTA è L’IALIA. L’ITALIA DELLA VERGOGNA. Rosalba

  10. rosalba il 27 Mar 2010 alle 12.12
  11. Prima di tutto un grande abbraccio alla Fam.Claps.Dopo gli ultimi avvenimenti che mettono in risalto le malefatte della Chiesa,non mettero’ piu’ piede in una chiesa… non riconoscero’ piu’ la figura ecclesiastica, dal prete fino al papa, come divulgatrice della parola di Dio…..nella vicenda di Elisa mi pare evidente che la chiesa abbia la sua grande parte responsabilità perché il parroco precedente era a conoscenza di tanti particolari di questa vicenda…..ora,essendo morto si occuperà di lui la giustizia divina.La giustizia terrena dal canto suo dovrà concentrare le indagini sulla misteriosa figura di Daniele Restivo,che se ritenuto responsabile materiale della morte di Elisa, dovrà MARCIRE in carcere.

  12. franco il 27 Mar 2010 alle 01.01
  13. non ci sono parole, c’ e’ solo tanta tristezza. un abbraccio da patrizia di ferrara

  14. patrizia il 27 Mar 2010 alle 03.03
  15. Questa notizia ha aggiunto ulteriore dolore a quella del ritrovamento del suo corpo. E’ l’ennesimo pugno nello stomaco che fa mancare l’aria ai polmoni ! Quale giustizia ha avuto la famiglia Claps dalle istituzioni ? E….soprattutto quale conforto religioso da coloro che…..invece hanno ritardato il diritto naturale a una giusta e santa sepoltura ad un povero corpo. Ucciso due volte dal o dai carnefici e da TUTTI coloro (polizia,politici,sacerdoti e chissà quale altra genia !) che, forse, dico forse,sapevano tutto o quasi……Dio che orrore ! A volte mi vergogno di essere nato in questo paese !
    Un forte abbraccio alla mamma di Elisa ed al fratello Gildo.
    Fabio

  16. FABIO il 27 Mar 2010 alle 07.07
  17. La notizia del ritrovamento corpo di Elisa in quella chiesa mi ha sconvolto…non ne era mai uscita…la sua vita era finita in quel lontano 12 settebre..che tristezza ma soprattutto che rabbia, tanta tanta rabbia!
    Ricordo ancora la notizia della sua scomparsa, mi è rimasta impressa nella mente sia perchè mia madre è di Potenza sia perchè il giorno dopo avrei compiuto 17 anni anch’io…dalle nostre parti difficilmente succedevano cose del genere..ci conosciamo tutti..era impensabile che una ragazza scomparisse così nel nulla..mia madre ripeteva in continuazione: “povera ragazza..chissà dov’è!”
    Era lì è sempre stata lì..solo dio sa quante volte sono passata, entrata in quella chiesa e lei era lì sopra di me…come si può fare una cosa del genere? quale mente malata ha potuto macchiarsi di un crimine così atroce?
    Tutto quello che sta accadendo è assurdo..chi sta coprendo chi? Cosa si nasconde dietro a tutto ciò?
    Piccola Elisa ti hanno strappato dal tuo giardio quando ancora eri solo un piccolo fiore..ricorderò per sempre il tuo viso…con immenso affetto…una Lucana (come lo eri tu)!

  18. rosa il 27 Mar 2010 alle 07.07
  19. Possibile ch nessuno abbia ancora visto che il caso di Elisa Claps è uguale a quello di Emanuela Orlandi, manca solo un “Renatino” per disfarsi del cadavere,naturalmente tutti ci auguriamo che questa volta si arrivi alla verità (sarà dura ma tutti dobbiamo lottare )
    per aiutare la famiglia Claps a trovare un pò di pace.

  20. Graziano il 28 Mar 2010 alle 07.07
  21. Verità, verità, verità!!

    Credo che, almeno questo, sia dovuto alla famigla Claps.

    Allo staff di “Chi l’ha Visto?”: continuate così con questo, e con tutti gli altri casi che state gestendo, al fine di far emergere verità che non si vuole siano portate alla luce.

    Davide

  22. Davide il 29 Mar 2010 alle 12.12
  23. sto ascoltando la mamma di elisa, un abbraccio.

  24. teresa il 29 Mar 2010 alle 09.09
  25. Signora Filomena non molli mai!…..vedrà che la verità viene fuori grazie alla sua tenacia e sopratutto alla sua forza di mamma

  26. Concetta il 29 Mar 2010 alle 09.09
  27. Vorrei esprimere tutta la solidarietà ai familiari di Elisa, in particolare alla mamma della quale condivido l’indignazione e la decisione di celebrare i funerali all’aperto. Un grande abbraccio, Fiore

  28. Fiore il 29 Mar 2010 alle 11.11
  29. VI SONO VICINA CON TANTO AFFETTO

  30. liliana il 30 Mar 2010 alle 03.03
  31. Ho visto la puntata di ieri sera, mi ha colpito la storia delle scritte sui muri. Visto che le scritte sui muri è tecnica di adoloscenti o poco più e che i coetanei di Elisa oggi sono più che trentenni, mi chiedo se quel terribile segreto sia diventato patrimonio comune di una generazione di sciagurati?
    Chi è, allora, l’anello di congiunzione tra vecchia e nuova generazione.

  32. Luigi il 30 Mar 2010 alle 05.05
  33. Erano anni che seguivo questo caso grazie al programma e alla caparbietà dei familiari, perchè ci vuole davvero tanta forza, ed oggi ancora di più, quando scopri che tua figlia è rimasta in chiesa 17 anni e non all’oratorio ma morta…mio Dio perchè?
    Esprimo un’immensa solidarietà per la mamma ed i familiari tutti, andate avanti oggi più di ieri e renderete ancor di più onore alla memoria di Elisa.

  34. anna il 30 Mar 2010 alle 06.06
  35. Buongiorno
    è da tanti anni seguo la vostra trasmissione, perchè l’impegno e la passione che mettete nel vostro lavoro è assolutamente lodevole, Il caso di Elisa mi ha toccato il cuore…siamo nate nello stesso anno…e spero vivamente che presto davvero presto venga fatta giustizia per questa ragazza, sono solidale con le parole della madre, “il suo funerale sarà all’aperto”. Ho una convinzione che tanti troppi in quella chiesa sapevano. La mia mail è come tante altre mail, c’è solo rabbia, rabbia per quello che si chiama omertà. Dio che non risiede certamente solo nelle Chiese di certo punirà i responsabili l’omicida e gli omertosi, ma spero che prima del suo giudizio, la giustizia in Italia punisca con la punizione più severa senza alcun sconto tutti i responsabili.
    Grazie per la verità “LA VOSTRA, QUELLA CHE DITE OGNI LUNEDI'”.

  36. sefora il 31 Mar 2010 alle 05.05
  37. Cara Federica,povera Mamma di Elisa!!!! Ma la Chiesa può permettere tutto questo!!! Allora non c’è rimasto proprio nulla in cui credere certo è che ultimamente ne abbiamo viste anche troppe!!!! Un bacio a Filomena!!!

  38. Rosy il 31 Mar 2010 alle 05.05
  39. BRAVA BRAVISSIMA; congratulazioni a questa mamma coraggiosa ! Vi prego di dirglielo, ha tutta la mia approvazione e suppongo anche quello di tutte le persone perbene di questa nostra povera Italia.

  40. isabella il 31 Mar 2010 alle 05.05
  41. BRAVA MAMMA FILOMENA A NON VOLERE IL FUNERALE DENTRO UNA CHIESA, SIAMO TUTTI
    CON TE ANCHE DALLA SARDEGNA

  42. cinzia il 31 Mar 2010 alle 05.05
  43. Gentile Sig.ra Claps,
    ho seguito nel corso degli anni la storia di Elisa, è terribile ciò che è successo ma è ancora più terribile e vergognoso quello che stà accadendo adesso. Spero che si riesca finalmente ad arrivare alla verità e che la giustizia faccia il suo corso senza scuse o sconti.Non posso materialmente fare nulla per Lei e la sua famiglia ma spero che voglia accettare un abbraccio affettuoso.

    Alessandra

  44. sanda67 il 31 Mar 2010 alle 05.05
  45. Desidero esprimere vicinanza alla famiglia di Elisa per questa tristissima vicenda. Seguivo il caso ai tempi della Sig. Raffai e mi colpivano sempre la perseveranza e la tenacia del fratello e della madre. come madre mi sento particolarmente vicina alla mamma di Elisa e condivido la sua scelta di far celebrare i funerali della figlia all’aperto, ha tutte le ragioni per farlo.mi stringo a loro in un simbolico abbraccio, forza, dico loro e vi auguro che tutta la verità vemga fuori al più presto perchè finalmente anche voi possiate trovare un pò di pace.

  46. cristina il 31 Mar 2010 alle 09.09
  47. Non ci sono parole, che vergogna di paese.
    Sono vicina con tutto il cuore alla famiglia Claps.
    Ricordatevi che non siete soli.
    Elisa riposa in pace.
    Un forte abbraccio
    Lorena

  48. Lorena il 31 Mar 2010 alle 10.10
  49. ogni writer ha un proprio tag che è un nome codificato a volte composto da lettere e numeri, ed è proprio il tag che egli ripete all’infinito perfezionandone la grafica. secondo me non c’è nessun messaggio in quel 53, è semplicemente il tag di un writer e basta chiedere ai writers di Potenza.

  50. ursula il 01 Apr 2010 alle 04.04
  51. nel 97 avevo una bimba di 9 anni, ma questo non m’impediva di seguire ogni puntata di chi l’ha visto. oggi mia figlia ha venti anni ed io ho continuato a seguire questa vicenda da sempre, anche se la storia mi terrorizzava e per la povera elisa, e per i suoi cari, e per la mia bambina che cresceva e poteva essere vittima di un mostro mai punito. ho conosciuto anche io il dolore in tutti questi anni il dolore che ti fa impazzire,per questo sono vicina alla famiglia claps e mando un grosso abbraccio ai suoi cari.ad elisa dico povero angelo innocente prega per noi e che nessuna bambina debba subire quel che tu hai subito,vola dolce angelo vola
    MARINA Sardegna.

  52. MARINA il 02 Apr 2010 alle 12.12
  53. negli ultimi giorni si sente vociferare di tutto qui a potenza, anche del vecchio parroco…infatti anche a me non ha mai fatto una buona impressione. Penso che in questa vicenda dovranno pagare diverse persone, da chi ha tolto la vita ad una ragazzina a chi ha coperto i responsabili non facendo bene il proprio mestiere e sopratutto il proprio dovere.In questa città, ma penso anche altrove, è frequente arrivare dove si vuole se si conosce la “persona giusta”…
    Sono vicina alla famiglia di Elisa e vorrei far sapere a tutti loro che fortunatamente a Potenza ci sono anche persone che stanno dalla loro parte.

  54. simona il 02 Apr 2010 alle 05.05
  55. UNA GROSSA TRAGEDIA ED UN ENORME VERGOGNA, COME SONO STATE FATTE LE INDAGINI? POSSIBILE CHE IN UNA CHIESA DOVE TUTTI DOVREMMO AVERE PROTEZIONE E CONFORTO SI E’ CONSUMATO QUESTO ORRENDO DELITTO? SE QUALCHE PERSONA ,CHIUNQUE SIA SA LA VERITA’ SUL DELITTO SI FACCIA AVANTI E DICA TUTTO QUELLO CHE SA, “PER LA MEMORIA DELLA POVERA ELISA” E PER DARE UN PO DI PACE ALLA MAMMA E FAMIGLIARI:SI POSSONO NASCONDERE LE PROVE MA NON LA VERITA’ SE GIUSTIZIA NON SI FARA’ IN TERRA L’ASSASSINO O GLI ASSASSINI DEVONO TEMERE LA GIUSTIZIA DI “DIO” ALLA MAMMA TUTTO IL MIO AFFETTO E SOLIDARIETA’

  56. PIAMARIA il 03 Apr 2010 alle 03.03
  57. cari genitori e fratelli di Elisa,
    difronte a tanto cinismo, a tanta crudeltà, a tanta bestialità, a tanta disumanità mi chiedo: a che serve la tanto decantata legge se non è stata e non è in grado di tutelare un cittadino? sempre più assistiamo ad abusi e soprusi di chi detiene un certo potere, forse sarebbe meglio rinchiudere dentro i palazzi di potere, tutti i corrotti,i cinici,i disumani che detengono potere autorizzato-legalizzato e lasciarli marcire,si è arrivati al punto di non denunciare per non subire questi esseri diabolici, questa spazzatura umana è più pericolosa dei mafiosi, l’omertà nasce proprio da questo loro mostruoso comportamento, il cittadino che denuncia non è tutelato al contrario, pur avendo ragione, viene perseguitato e non sa più da chi difendersi.
    Cara mamma di Elisa, Lei la fede non la perderà mai, la fede in Dio non l’hanno mai avuta e, non l’avranno mai tutti coloro i quali hanno depistato, occultato, deviato, offeso, denigrato il Vostro dolore questi sì che sono senza Dio.
    Cara mamma di Elisa, i funerali di Elisa saranno all’aperto, per sua figlia non poteva scegliere altare migliore, sarà Dio il parroco di Elisa.

  58. una mamma il 03 Apr 2010 alle 10.10
  59. Credevo il corpo di Elisa fosse stato scoperto per caso,e già era grave,ma ora viene fuori che si sapeva da mesi e nessuno osò avvertire le forze dell’ordine…..
    se nessuno aveva il coraggio di farlo di persona lo poteva fare anonimamente,o alla redazione stessa del programma,sempre anonimamente.
    Poi,altra cosa:
    se è vero che gli occhiali di Elisa e il suo golfino sono stati prima tolti dal corpo di Elisa(e mi chiedo quale “fegato” si debba evre per fare una cosa simile),per mostrarli al prete,
    poi siano stati ricollocati al loro postoper far insabbiare tutto,
    chiedo:
    la scientifica potrebbe trovare tracce di quelle persone che hanno fatto codesto orribile gesto?
    E in tal caso,chiedo ancora,sooto un profilo legale;
    se ciò dovesse essere comprovato da fatti concreti,
    potrebbero i suddetti essere accusati di ulteriore occultamento di cadavere o di vilipendio,addirittura?????????
    Non è vilipendio,sotto certa forma,estrapolare da un cadavere oggetti personali per farli “viaggiare” avanti e indietro come pare sia accaduto?
    Un saluto a questa famiglia coraggiosa,e a Elisa,uccisa non una ma innumerevoli volte.

  60. cecilia il 04 Apr 2010 alle 10.10
  61. sono vicina alla mamma della povera ELISA, aspettiamo tutti che venga fatta giustizia, ed i colpevoli presto con la pena dell’ergastolo, devono soffrire come hanno fatto soffrire ELISA la mamma il fratello e tutte le persone che gli hanno voluto e gli vogliono bene

  62. PIAMARIA il 04 Apr 2010 alle 04.04
  63. Non posso non aprire questo commento complimentandomi, caldamente, con Federica Sciarelli, che in questi anni non ha “mollato” la presa, continuando a scavare nei misteri del caso Claps. Tra l’altro, DA SOLA, dal momento che la sua trasmissione è stata l’unica a fare giornalismo investigativo di ottima qualità.
    Cosa dire? La realtà di questo caso è evidente: probabile assassino, probabili coperture, probabile movente. MI stupisce solo il fatto che davanti ad incongruenze tanto palesi – presenti ancor prima del ritrovamento del corpo – non si fosse proceduto ad approfondimenti investigativi, diciamo così, che dessero una svolta al mistero. Alla mamma, al fratello di Elisa, la mia solidarietà. Mi chiedevo, poco fa: si riuscirà ad incastrare l’assassino? O a distanza di tanto tempo, non si riuscirà a trovare la prova regina? Sarebbe il colmo se chi ha ucciso quella ragazzina riuscisse a farla franca.

  64. adipi il 05 Apr 2010 alle 01.01
  65. Grazie a tutti voi di CHI L’HA VISTO per il tanto bene che fate

  66. rita il 09 Apr 2010 alle 06.06
  67. La Lucania, purtroppo per colpa di pochi è così o per meglio dire per colpa del potere di pochi, e sempre gli stessi, è proprio come sta emergendo a chi l’ha visto.
    Per fortuna che cè tanta brava gente che guadagna il pane ogni giorno e cerca di vivere in questi ambienti dove tutto si chiude e si deve chiudere anche il solo pensiero perchè si deve solo pensare a sopravvivere, e non parlare che è meglio, ma non solo nella città. La Basilicata tutta. Ci hanno buttato a terra e meno male che le verità vengono a galla sempre. Forza Gildo

  68. Lia il 09 Apr 2010 alle 07.07
  69. Ho appena finito di leggere la lettera di tuo fratello … mi si è stretto il cuore. Che le mie lacrime Elisa si trasformino in una carezza per te.

  70. Caterina il 09 Apr 2010 alle 10.10
  71. Caro Gildo la tua lettera scritta oggi ad Elisa mi fa accapponare la pelle. Le cose che si vanno man mano scoprendo sono orribili. La chiesa è stata capace di tacere per così tanto tempo?. Tu lo sai …. i potentini non sono omertosi sono brava gente. Certamente il comitato massonico-affaristico che assedia la città da troppo tempo , ha coperto un delitto così atroce, ed ha imposto una sofferenza alla tua famiglia lunga decenni.Tutti quelli dalla parte della giustizia e della verità vi sono vicini. Io per primo. Ti auguro di poter ricevere giustizia…sarà anche la nostra.
    Nico G

  72. Nico il 10 Apr 2010 alle 01.01
  73. VOLEVO AGGIUNGERE CHE, SE LE VOCI RIGUARDO LA POSSIBILE CONOSCENZA DA PARTE DI ALTRI DELLA PRESENZA DEL CORPO DELLA PICCOLA IN QUELLA SOFFITTA, RISULTASSERO VERE QUESTO SAREBBE DI UNA GRAVITà ENORME PER LA POPOLAZIONE. SE FOSSE VERO CHE UN BEL Pò DI PERSONE SI SAREBBERO SCAMBIATE NEGLI ANNI QUESTA NOTIZIA E MAGARI NE AVESSERO PARLATO TRA LORO O SI FOSSERO FATTI OGNI TANTO UNA PASSEGGIATINA Lì SOPRA, PER ASSAGGIARE UN Pò DI SUSPENCE E TENSIONE, SAREBBE ORRIBILE. UNA COSA SCANDALOSA E SPORCA.
    MI AUGURO CHE NON SIA COSì E CHE INVECE SIA ACCADUTO TUTTO NEL NASCOSTO DI UNA MENTE MALATA.
    POI ANCHE LA QUESTIONE DELLE DONNE DI SERVIZIO.. PERCHè ACCUSARE DUE PERSONE CHE LAVORANO DELLE RESPONSABILITà DI ALTRI?
    SE ANCHE AVESSERO VISTO LO SCHELETRO MI DITE VOI PERCHè NON IPOTIZZARE CHE MAGARI FOSSERO STATE MANDATE LASSù APPOSTA, COME PURE GLI OPERAI IN SEGUITO, PER TOGLIERSI IL PESO DI UNA SCOPERTA?
    COME VEDETE SI POTREBBE DUBITARE DI TUTTI A QUESTO PUNTO.
    A PROPOSITO: ORA IL TETTO PERDE ANCORA O ALL’IMPROVVISO NON PERDE PIù?

  74. bianca il 10 Apr 2010 alle 01.01
  75. Che Chiesa è quella che insabbia i crimini, dalla pedofilia agli omicidi? Che genitori sono quelli che consapevoli della follia del proprio figlio hanno come unica preoccupazione quella di nasconderne le malefatte?
    Sono nauseata, indignata, ed esprimo tutta la mia solidarietà più profonda alla sig.ra Filomena e alla sua famiglia certa di interpretare il pensiero di tutte le mamme degne di essere definite tali.

  76. Giovanna il 12 Apr 2010 alle 12.12
  77. Pensate che fino ad adesso nessuno ha avuto il coraggio di parlare e di dire, codardi e ipocriti, adesso ancora adesso i potentini se la prendono con Cristo e la Chiesa ma prendetevela con gli uomini con voi stessi cioè, altro che sconsacrare la Chiesa, queste sono le cose importanti a cui pensate. Adesso tutti forti e coraggiosi, poveri genitori e famiglia, loro e solo loro hanno diritto di parlare e essere arrabiati e giudicare e preghiamo che la giustizia faccia il suo corso, finalmente chiara e limpida per tutti.

  78. Lia il 12 Apr 2010 alle 07.07
  79. Povera mamma quanto dolore. Solidarietà a tutta la famiglia.
    Elisa sei rimasta nel cuore di tutti, riposa in pace.

  80. eva il 13 Apr 2010 alle 02.02
  81. Elisa, piccolo Angelo del Signore, riposa in pace..
    Che dolore vedere che il tuo aguzzino sia libero, e che abbiamo scoperto che tu eri morta già da 17 anni!!

  82. Ilaria il 07 Mag 2010 alle 06.06
  83. Vorrei far giungere alla famiglia Claps la mia profonda partecipazione. Ho molta stima per la signora Filomena, piccola grande donna, che per ben diciasette anni ha vissuto una vita di ordinaria quotidianità oppressa dell’incubo più atroce che possa vivere una madre. Ho ammirazione per i fratelli che credo siano lacerati da quei sensi di colpa che scaturiscono da un’educazione intrisa dei valori veri quelli dell’affetto e del rispetto della famiglia. Credo che per molti Elisa Claps è diventata il pensiero quotidiano; ad nuova notizia siamo scossi da una ridda di sensazioni: indignazione, rabbia, sconforto ma sopratutto da affetto per questa dolce ragazza cresciuta a pane e amore che è stata strappata alla vita ad opera…di chi forse poteva essere fermato in tempo. Tutte le scuse non leniranno il dolore ma forse la verità smorzerà l’angoscia, renderà meno acuta la disperazione.Ma al di là dei ruoli e delle cariche bisogna che siano uomini rendendo giustizia ad Elisa con la VERITA’. Con tutta me stessa vi sono rispettosamente vicina.

  84. nicoletta il 19 Mag 2010 alle 12.12
  85. Gildo sei il mio idolo, parole sante le tue!

  86. Fed il 19 Mag 2010 alle 09.09
  87. Carissimi Filomena e Gildo il momento della verità sta finalmente arrivando e,con essa,mi auguro sia fatta giustizia per Elisa.Chi ha stroncato per sempre il suo dolcissimo sorriso è giusto che paghi!Formidabile Federica Sciarelli che, con il suo straordinario lavoro unito ad una grande carica d’umanità, tanta parte ha avuto nel buon esito di quest’inchiesta!

  88. Maria65 il 21 Mag 2010 alle 07.07
  89. Se la datazione delle foglie risulterà utile ed attendibile, collocherà la scoperta del corpo di Elisa proprio nel periodo in cui morì Don Mimì, una ‘coincidenza’ di tempi che però stupisce poco. Speriamo, che se non le persone, la scienza e la tecnica aiutino la famiglia di Elisa ad avere giustizia e quindi un pò di pace, in questa tragedia che sembra infinita. Un pensiero per Filomena e Gildo, non è un caso che abbiano scelto di essere presenti in televisione a Chi l’Ha Visto? Come sempre, un augurio di buon lavoro alla redazione. Chi l’Ha Visto? è l’unica trasmissione che mette al centro sempre e comunque gli interessi e la dignità delle persone che hanno bisogno di aiuto. Grazie a voi per non aver mai dimenticato Elisa e nessun’altra persona ‘scomparsa’.

  90. Emanuela il 25 Ott 2010 alle 03.03
  91. Ho iniziato a seguire chi l’ha visto? dal giorno del ritrovamento dei resti di Elisa….Storia assurda!

  92. Anna il 21 Giu 2013 alle 03.03

Scrivi un commento