CLV

Ricerca
Avanzata

Alessandra Sandri – Era ancora una bambina

Il 7 Aprile del 1975, in una mattina piovosa, la Alessandra Sandri scomparve nel nulla. Per gli inquirenti dell’epoca aveva “deciso di cambiare la sua vita” nonostante avesse solo 11 anni e un’agghiacciante registrazione indicasse che era vittima degli abusi di alcuni uomini. “Chi l’ha visto?” se ne occupò nel 1991 e nel 1998. Il caso fu riaperto ma non si arrivò a nulla. Ora, sono passati altri 12 anni e i familiari vogliono sapere che cosa è successo alla piccola Sandra.

[Vai alla pagina del caso]

Comments

comments

18 mag 2010 alle 07.07 "Chi l'ha visto?"

22 Commenti su Alessandra Sandri – Era ancora una bambina

  1. Terrificante. Terrificante la storia, terrificante e orribile sentire i vaniloqui dell’allora capo della squadra mobile. Che vergogna. Ma adesso sarebbe un Prefetto? aiuto.
    Spero tanto che le sue prossime notti il signor prefetto le passi insonni, tormentandosi quel poco di anima che forse ha.

    Un caro e lungo abbraccio alla famiglia

  2. Claudio il 18 mag 2010 alle 10.10
  3. mi chiedo cosa ci vuole in Italia per trovare i bambini scomparsi, e cos’è questa fissazione della Polizia e dei giudici sull’allontanamento volontario di bambini così piccoli. Come quell’altra bambina scomparsa più di 30 anni fa, di cui avete parlato,e come chissà quanti altri casi sconosciuti. Che forse tanti anni fa c’era l’abitudine da parte degli inquirenti di “liquidare” questi casi, perchè troppo difficili,( e loro non erano capaci)?
    Comunque meno male che ci siete voi, almeno questi poveri bambini riceveranno in qualche modo giustizia.

  4. ANNA il 19 mag 2010 alle 10.10
  5. Salve, ho visto la puntata in cui si parlava di Sandra. Sono rimasta sconvolta dopo aver sentito la registrazione-interrogatorio e ancora di più dopo aver appreso che all’uomo autore di tale registrazione non è stato fatto nulla. Vorrei dire ai familiari di non arrendersi, anche se è dura, perchè dev’essere fatta giustizia. Fatevi coraggio per Sandra.

  6. Lara il 19 mag 2010 alle 12.12
  7. provo solo tanto tanto schifo x quello che gli uomini possono fare…rabbia, schifo e dolore…sono amareggiata!michela vorrei poter far sentire la mia solidarietà alla famiglia

  8. Michela il 19 mag 2010 alle 06.06
  9. Indignazione e schifo (non ci sono altre parole) per come e’ stato trattato questo caso. Per favore, esponete tutto e tutti, e chi deve paghi per le sue responsabilita’.

    Laura

  10. laura il 19 mag 2010 alle 06.06
  11. E’ agghiacciante sentir ipotizzare un allontanamento volontario da parte di una bambina di 11 anni….. “Dare una svolta alla sua vita”?!? L’interrogativo è smepre il solito: chi si voleva coprire?

    Solidarietà alla famiglia Sandri

  12. Barbara il 19 mag 2010 alle 06.06
  13. ho appena sentito l’intervista al capo della polizia di Bologna sul caso della ragazzina e, dagli occhi,dal sorriso odioso e dalle raccapriccianti parole,mi ha dato l’impressione che anche quel signore facesse parte di quel branco di mostri ..

  14. rlpinti il 19 mag 2010 alle 06.06
  15. Agghiaccianti le parole del capo della mobile.
    Sembra proprio, che voglia nascondere qualcuno (o chi??) o depistare l’intervistarore di “Chi l’ha visto” del 98??
    (non è un’accusa, solo mie illazioni…)

    Siano fatti indagini sul gruppo di pedofili di quel periodo.
    Siamo vicini alla famiglia.

    Che la Verità Trionfi sulla vergogna e l’ingiustizia.

  16. osservatoree libero il 19 mag 2010 alle 06.06
  17. Il Prefetto Lomastro Carlo Ciro il 2 febbraio ’94 è stato nominato Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana

  18. ivan il 19 mag 2010 alle 06.06
  19. E’ scandaloso che un questore faccia certe dichiarazioni. Sarebbe
    meglio non avere certa gente in posti essenziali di una città.

  20. tonino il 19 mag 2010 alle 06.06
  21. Spesso si teme che le fiabe in cui compaiono gli orchi possano turbare i bambini! Che dire? E’ vero, può succedere. Ma nelle fiabe c’è sempre l’intervento del personaggio buono che non teme l’orco e che possiede gli strumenti per distruggerlo. Povera piccola Sandra! Ha atteso invano l’arrivo di qualcuno che la liberasse da quel sortilegio! Tutti orchi e solo orchi intorno a lei, persino il capo della polizia, che ha preferito girare altrove lo sguardo.
    Mi chiedo se la colpa di molte piccole vite spezzate non sia da ricondurre al vecchio concetto che la donna sia portatrice di peccato, e pertanto colpevole, a prescindere dalla sua età e dalla sua maturità. Sarebbe interessante compiere uno studio in tale direzione.
    Grazie alla Redazione di “Chi l’ha visto?”, che ci dimostra che, se si vuole, alla verità si arriva sempre, presto o …tardi.
    Maria Luisa

  22. marialuisa il 19 mag 2010 alle 06.06
  23. E’ qualcosa più che allucinante.Le parole non possono descrivere.
    Chi ha il potere di prendere provvedimenti,seppure tardivi,nei confronti del capo della mobile ora prefetto DEVE farlo. Per ridare giustizia e dignità a tutte le infanzie violate.
    Arianna

  24. susanna il 20 mag 2010 alle 02.02
  25. Sono anch’io rimasta sconvolta e agghiacciata dalla vicenda della piccola Sandra. Sono una mamma e non riesco neppure ad immaginare il dolore immenso che lacera da più di trent’anni il cuore di due genitori così soli ed impotenti di fronte alla barbarie che ha investito loro e soprattutto la loro bambina. Barbarie perpetrata da uomini indegni di appartenere alla razza umana ma anche da istituzioni chiaramente parimenti indegne. Mi piacerebbe davvero che al più presto venisse fuori qualcosa che metta la parola “fine” a questa vicenda così drammatica e soprattutto che questa mamma possa avere almeno la consolazione di posare un fiore sulla tomba di questo piccolo angelo innocente.
    Un abbraccio alla mamma ed al fratello di Sandra ed un grazie alla Redazione che ha fatto sì che si riaprisse il caso.
    Chiara

  26. Chiara il 20 mag 2010 alle 02.02
  27. Un abbraccio alla famiglia di quella bambina sfortunata…le indagini vanno riaperte e i poveri resti di Alessandra cercati e se possibile recuperati perchè Lei possa finalmente riposare in pace dopo un’esistenza così breve e dolorosa

  28. Lorenzo il 20 mag 2010 alle 05.05
  29. Non sarò la prima a dirlo ma vi faccio i miei complimenti, senza di voi il caso non sarebbe mai stato riaperto, così come, forse, non si sarebbero fatti passi avanti per il caso Claps. In un paese dove la giustizia non fa mai il suo corso, per fortuna c’è qualcuno che ci aiuta a far valere i nostri diritti. Grazie.

  30. Jessica il 23 mag 2010 alle 12.12
  31. Incredibili le parole dell’allora capo della squadra mobile di bologna: “allontanamento volontario”… a 11 anni?? E si archivia così la sparizione di una bambina??? Quello lì è stato anche promosso? Sono senza parole …

  32. anny il 24 mag 2010 alle 04.04
  33. anche la storia di sandra è incredibile. la registrazione dell’interrogatorio mi è sembrata una confessione in piena regola.i giudizi di polizia e quant’altri su una bambina non si possono commentare.un grande abbraccio alla famiglia di sandra

  34. marisa il 24 mag 2010 alle 07.07
  35. sono sconvolta, sconvolta. Non è giusto che chi non ha fatto il suo dovere non paghi!!! e’ una vergogna sono sconvolta, non posso ascoltare!

  36. paola il 24 mag 2010 alle 10.10
  37. un abbraccio alla famiglia di Sandra siamo li con loro a io non capisco con puo esserci della gente che comanda che dovrebbe protegere e proteggerci a fare certe affermazioni a scrivere un verbale non capisco e mai capiro’.

  38. sonia il 24 mag 2010 alle 10.10
  39. E’ agghiacciante sentire quello che hanno detto le forze dell’ordine…non ci sono parole di cordoglio per i familiari.

  40. rossella il 25 mag 2010 alle 01.01
  41. E’ una vergogna, quanti pedofili ci sono(e la polizia, le forze dell’ordine non hanno fatto un bel niente!!). E’ ora di fare pulizia.

  42. Ilaria il 30 mag 2010 alle 08.08
  43. Si sa se hanno iniziato a scavare per cercare i poveri resti di Sandra Sandri? Il timore è che dopo la sacrosanta indignazione ci si dimentichi di nuovo di questa storia raccapricciante…non deve succedere, teniamo sempre vivo questo blog, lo dobbiamo alla memoria di quella bambina sfortunata

  44. Lorenzo il 11 giu 2010 alle 10.10

Scrivi un commento