CLV

Ricerca
Avanzata

Francesco Rigoli

Francesco Rigoli, 24 anni, la sera del 31 ottobre é uscito dalla sua casa di Sordio (Lodi), dicendo che sarebbe andato a Milano per festeggiare Halloween con i colleghi d’università. Era d’accordo con i genitori che, il giorno successivo, li avrebbe raggiunti nella loro casa di Mercallo (Varese), per trascorrere insieme il ponte di Ognissanti, cosa che non ha fatto. Si é allontanato con la sua auto, una Fiat Punto di colore grigio scuro, targata CD335XB. Ha con sé la patente, la carta d’identità, una carta di credito Poste Pay, un telepass e il cellulare che risulta irraggiungibile.

16 novembre 2011
Francesco Rigoli aveva promesso ai genitori di raggiungerli a Mercallo (Varese) l’1 novembre ma le sue tracce si sono perse nella notte di Halloween. La notte del 31 ottobre, verso le 3, i vigili del fuoco di Abbiategrasso (Milano) hanno ricevuto una chiamata. Nelle campagne di Gaggiano (Milano) c’era un’auto in fiamme. I Carabinieri scopriranno in seguito che era quella di Rigoli. Nel corso della puntata un appello a fornire informazioni è stato rivolto a chi ha segnalato l’auto oppure è passato nella zona quella notte. Mentre i genitori erano all’università ad attaccare i volantini per ritrovarlo hanno scoperto che in realtà non aveva sostenuto gli esami necessari alla discussione della tesi.
I bibliotecari e altre persone ascoltate all’Università Statale di Milano hanno detto di averlo visto spesso uscire con una ragazza, forse sudamericana, della quale lui non ha mai parlato in famiglia. Un testimone ha dichiarato di avere visto la notte dell’8 novembre al binario 18 della stazione Centrale di Miano un giovane somigliante che indossava una felpa nera, jeans e scarpe da ginnastica che sembravano nuove.

Comments

comments

18 nov 2011 alle 08.08 "Chi l'ha visto?"

1 Commento su Francesco Rigoli

  1. Salve, sicuramente non è di aiuto e non sarà la scoperta dell’anno questa mia… ma riguardo la scomparsa di Francesco Rigone, mi verrebbe da pensare ad una sua potenziale voglia di riscoprire la terra dove sono le sue radici, e cioè il Perù..questo potrebbe spiegare il bisogno di prelevare tanto denaro. Forse ha incontrato nel suo tormentato percorso di vita, qualcuno che può averlo consigliato(si spera con buoni propositi), e indirizzato a come intraprendere un viaggio fin laggiù, sperando che poi vi sia arrivato. E’ semplicemente un’idea fra le tante. Grazie per l’attenzione e soprattutto grazie per un programma così ben strutturato e così utile alla nostra comunità.
    Buone feste.

  2. DANIELA il 15 dic 2011 alle 12.12

Scrivi un commento