CLV

Ricerca
Avanzata

Yara: dubbi sulle indagini

A Chi l’ha visto” continuano ad arrivare, da varie zone d’Italia, segnalazioni di persone che vivono lontano da Brembate alla quali gli inquirenti hanno chiesto un campione di Dna. Altre, invece, pur avendo avuto a che fare con la palestra di Yara proprio nel giorno dell’omicidio, hanno contattato i programma per dire che non sono state interpellate. Dopo che la famiglia Gambirasio ha nominato un legale e un consulente genetico, il prof. Giorgio Portera, biologo e genetista forense dell’università di Milano, dubbi sulle indagini sono stati espressi clamorosamente da una raccolta di firme. È stata lanciata dall’assessore regionale lombardo a Territorio e Urbanistica Daniele Belotti , che ha deciso di inviare al ministro della Giustizia Paola Severino e per conoscenza al vicepresidente del Csm, al procuratore generale della Corte d’Appello di Brescia e al procuratore aggiunto di Bergamo la richiesta di sostituire o “in alternativa” affiancare al pubblico ministero Letizia Ruggeri “un pm di provata esperienza e capacità”. Nel documento sono citati “l’affrettato dissequestro dell’area in cui è stato ritrovato il corpo, il mancato sequestro” e la mancata “perquisizione dell’auto e del furgone con cui Mohammed Fikri e i suoi amici si erano imbarcati diretti a Tangeri; il mancato controllo su un centinaio di operai stranieri che lavoravano al cantiere di Mapello; la mancata richiesta di rogatoria internazionale in modo da poter verificare se il telefonino di Yara fosse stato utilizzato all’estero”. “La mancanza di coordinamento tra le varie forze dell’ordine”, tanto che “diversi Dna risulterebbero essere stati raccolti due volte, sia dai carabinieri che dalla polizia”. Belotti ha anche definito “inspiegabile” il diniego opposto alla richiesta fatta dal prof. Portera, a nome della famiglia Gambirasio, di poter accedere agli atti dell’inchiesta. Intervistato da “Chi l’ha visto?”, il consulente di parte ha detto che la famiglia di Yara, pur mantenendo la massima fiducia negli inquirenti, vuole sapere che cosa è stato fatto finora dal punto di vista scientifico e non ha accolto positivamente il rifiuto e ha ribadito che la richiesta, fatta come parte offesa, ha uno scopo collaborativo e che continua a sperare possa essere accolta al più presto.

Comments

comments

02 feb 2012 alle 08.08 "Chi l'ha visto?"

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento