CLV

Ricerca
Avanzata

Omicidio Rosi: parla la figlia della donna violentata dai rapinatori a febbraio

“Con la pistola puntata su mia madre chiedeva la chiave della cassaforte. ‘Non ce l’ho. Non ti posso dare nulla’, diceva mia madre. Uno dei due allora l’ha portata giù e l’ha violentata. ‘Guarda potrei essere tua madre, non fare queste cose’, gli ha detto lei. Ma lui gli ha risposto ‘Si, potresti, ma non sei’, e ripeteva in continuazione ‘Ti piace, ti piace…’ ” Parla a “Chi l’ha visto?” la figlia della donna di 54 anni violentata nel corso di una rapina in Umbria a febbraio. I criminali armati di pistola e di fucile erano entrati nella casa dove la donna era con la nipotina. Hanno legato le persone con i cavi dei caricatori per cellulari, come è avvenuto la settimana scorsa nella rapina in villa a Perugia dove è rimasto ucciso il giovane Luca Rosi.

Durante il collegamento in diretta con i familiari del giovane “Chi l’ha visto?” ha mostrato la foto di un detenuto albanese evaso dal carcere romano di Regina Coeli il 14 gennaio. L’uomo, Altin Hoxha, è stato membro di una banda responsabile di dieci rapine in ville in Umbria realizzate con le stesse tecniche utilizzate dai criminali che hanno ucciso Luca Rosi.

Dopo la messa in onda delle foto segnaletiche di Altin Hoxha è giunta a “Chi l’ha visto?” una segnalazione, non anonima e che risulterebbe attendibile, secondo cui l’evaso sarebbe stato visto un mese prima in un bar di Ramazzano (Perugia), il paese dove si trova la villa della famiglia Rosi.

Uno spettatore ha inviato un fotogramma catturato da una telecamera di sorveglianza il 18 gennaio, durante un tentativo di furto a Perugia. Nell’immagine, trasmessa dal programma, si vedono due persone che si allontanano, una della quali secondo lo spettatore somiglierebbe a Altin Hoxha. 

Altin Hoxha

 

Fotogramma del tentativo di furto a Perugia

[Guarda il filmato nella puntata del 7 marzo 2012]

Comments

comments

09 mar 2012 alle 04.04 "Chi l'ha visto?"

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento