CLV

Ricerca
Avanzata

Archivio dicembre 2014

Denise: Procura di Marsala apre un’ inchiesta per omicidio dopo l’intercettazione di Jessica

Marsala (Trapani), 6/12/2014 – Una nuova inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone è stata aperta, contro ignoti, dalla procura di Marsala a seguito dell’intercettazione ambientale dell’11 ottobre 2004, Jessica Pulizzi, secondo la trascrizione del perito, avrebbe detto in dialetto alla sorella minore Alice “Eramu n’casa, a mamma l’ha uccisa a Denise” (Eravamo a casa, la mamma ha ucciso Denise). “Ho chiesto alla corte d’appello di Palermo il file della registrazione – ha detto il procuratore di Marsala, Alberto Di Pisa – dopo che tre giorni fa ci era stata trasmessa la trascrizione della registrazione”. Ad ascoltare e trascrivere la frase, pronunciata a bassa voce, è stato il perito nominato dalla Corte d’appello, Massimo Mendolìa, la cui audizione è stata al centro dell’udienza di ieri del processo d’appello per concorso in sequestro di minorenne alla sorellastra di Denise, che ha negato di aver pronunciato quelle parole. La madre di Jessica e Alice, Anna Corona, assieme ad altri era stata indagata per concorso in sequestro, in un procedimento poi archiviato. “Anche se il fascicolo è contro ignoti, è come mettere sull’avviso gli interessati”.- ha dichiarato l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile che assiste Piera Maggio, mamma di Denise.

[Video – La puntata del 10 dicembre 2014]