CLV

Ricerca
Avanzata

Archivio giugno 2015

Tunisia: Su Twitter gli appelli di parenti di turisti inglesi

Roma, 27/6/2015 – “Non sono riuscito a parlare con mio padre da quando c’è stato l’attacco. Vi prego, vi prego, vi prego, ritwittate perché è’ disperso con la sua compagna”. Il 23enne britannico Ross Naylor ha lanciato questo appello su Twitter per suo padre, Scott Chalkley, che alloggiava assieme a Sue Davey nel all’Imperial Marhaba. Gli hanno riferito dall’albergo al momento dell’attacco si sarebbe trovato o sulla spiaggia, dove sono state trovate le sue borse. Purtroppo in tarda sera si è avuta la conferma della morte sia Chalkey che della compagna. Anche i familiari e gli amici di John e Janet Stocker hanno affidato a un hashtag la loro richiesta di aiuto per rintracciarli. L’appello di Lucie Marie è per avere notizie della nonna Eileen Swannack e del suo compagno, ospiti anche loro del Riu Imperial.

Attacco ai turisti in Tunisia:La testimonianza a “Chi l’ha visto?” di un giovane che era sulla spiaggia

Tunisi01
Roma, 26/6/2015 -“Chi l’ha visto?” ha raccolto la testimonianza di Fahad, un giovane tunisino che si trovava con due amici sulla spiaggia di Soussa al momento dell’attacco terroristico, che ha raccontato ancora sconvolto: “Stavamo nuotando, quando improvvisamente abbiamo sentito degli spari. All’inizio pensavamo fossero fuochi d’artificio. E’ venerdì, un giorno di festa per noi, tra l’altro Soussa è una località molto turistica. Ma dopo poco ci siamo resi conto che non potevano essere fuochi d’artificio. Il rumore era strano, troppo forte. Siamo usciti dall’acqua e siamo corsi vicino all’hotel Imperial Marhaba. Lì abbiamo visto i corpi sulla spiaggia. C’era una gran confusione, polizia, curiosi e i turisti che scappavano. Non pensavo potesse succedere qui è una località turistica, sicura… Ora i turisti hanno paura, a centinaia se ne stanno andando via. La situazione è ancora molto tesa. La polizia cerca di far rimanere in casa le persone. E’ terribile quello che è successo. Terribile”.

[Fotogallery – Attacco terroristico in Tunisia]

Attacchi terroristici, il ministro Alfano: “Elevato livello di allerta terrorismo in Italia”.

Tunisi02
Milano, 26/6/2015 – “L’insegnamento è che non c’é nessun Paese a rischio zero e per questo abbiamo elevato il livello di allerta per le unità a presidio dei luoghi sensibili”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano durante un convegno all’Università Bocconi parlando dei tre attentati che hanno causato decine di vittime oggi in Tunisia, Francia e Kuwait.

Durante l’attacco a due resort a Sousse in Tunisia tra gli almeno 30 morti ci sarebbero molti turisti, colpiti anche sulla spiaggia. Non confermate le voci di italiani fra loro. Secondo un funzionario del ministero degli interni tunisino, sul sito di Al-Arabiyya, il bilancio delle vittime è destinato ad aumentare.

[Fotogallery – Attacco terroristico in Tunisia]